Bambini, si può fare il bagno dopo aver mangiato?

Quanto tempo deve attendere il bambino prima di fare il bagno in piscina o al mare dopo aver mangiato?

bambina-mare.jpg

Si può concedere un bel bagno in mare o in piscina dopo mangiato? Da sempre ci sentiamo ripetere no, bisogna attendere almeno due ore per dare il tempo al nostro corpo di portare a termine la digestione ed evitare la congestione. Fa il punto su questo tema Lucio Piermarini, pediatra di Terni, sulle pagine di Uppa.

Se andiamo a cercare sulle riviste scientifiche, da banali medici conformisti, non troviamo nemmeno il corrispettivo del termine “congestione”. Una cosa tutta italiana insomma, un po’ come “la cervicale”: ma, direte, si dovrà pur ammettere che se uno si “scofana” poi si possa sentir male; certamente, ma intanto chi lo fa non è quasi mai un bambino e poi, quando accade, il malessere è progressivo e dà tutto il tempo, anche a un bambino, di comunicarlo e uscirsene dall’acqua.

Quello che bisogna ricordarsi è che non è consigliabile tuffarsi in acqua di botto. Non a caso, i tuffatori sportivi si fanno prima una bella doccia. Come mai?


In questi casi si scatena una violenta reazione nervosa riflessa che rallenta la frequenza cardiaca e abbassa la pressione arteriosa per cui, se il tutto dura più di qualche secondo, il cervello va in blocco e si affoga anche in pochi centimetri di acqua. In pratica se avete intenzione di tuffarvi nell’acqua fredda, basta che vi siate bagnati prima. Tutto qui.

Ovviamente, non fate bere alcolici ai bambini, non date loro bibite ghiacciate e fate in modo che in spiaggia o comunque nei luoghi caldi siano consumati pasti e spuntini leggeri. Infine, ricordiamo: ingresso lento e progressivo, attendere comunque un paio d’oro dopo il pasto (soprattutto i piccolini), mangiare piano e all’ombra.

Via | Uppa

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail