"Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry festeggia 74 anni

Buon compleanno a "Il Piccolo Principe", il libro di Antoine de Saint-Exupéry compie 74 anni

Il Piccolo Principe

Il Piccolo Principe” compie 74 anni, sono passate ben 74 primavere dalla prima edizione del libro pubblicato dall’aviatore francese Antoine de Saint-Exupéry. “Il Piccolo Principe” è uno dei libri con cui tutti i bambini si approcciano alla lettura, ma è un libro che si assapora ancora meglio da grandi perché offre tanti spunti di riflessione e un’idea di approccio alla vita, alle persone e alle cose che è molto profondo ed educativo. È un libro da leggere e rileggere, per cercare sfumature, chiavi di lettura e per fissare dentro di noi delle frasi e dei pensieri che possono essere una guida.

La prima edizione de “Il Piccolo Principe” è uscita in lingua inglese il 6 aprile 1943 negli Stati Uniti dove Antoine de Saint-Exupéry era in esilio durante la Seconda Guerra Mondiale, in Francia è stato pubblicato solo tre anni dopo. Da quel giorno del 1943 il libro è stato tradotto in 253 lingue e dialetti e ne sono state stampate più di 134 milioni di copie, è diventato un best seller, un classico, un libro senza tempo da cui è stato tratto anche il film. Se ancora non lo avete, io vi consiglio di comprarlo, fa bene averlo in casa.

Ecco alcune frasi molto belle tratte da “Il Piccolo Principe”.

  • Addio – disse la volpe. – Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.

  • Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano.

  • È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante.

  • Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono i riti.

  • In principio tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino...

  • Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.

  • Gli uomini coltivano 5.000 rose nello stesso giardino e non trovano quello che cercano. E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po’ d’acqua. Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore!

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 24 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO