L’amore della mamma stimola lo sviluppo cerebrale del bambino

Perdere o essere allontanato dalla mamma nelle prime ore di vita può essere un evento traumatico.

Young mother lying in bed with her newborn baby boy, holding him in her arms and smiling from happiness

Non c’è nulla di più grande dell’amore della mamma. Almeno dovrebbe essere così. E se questo sentimento così forte e naturale spesso lo si dà un po’ per scontato, bisogna sapere che – secondo uno studio americano pubblicato su eNeuro – questo amore è fondamentale per lo sviluppo psicologico del bambino fin dalle prime ore di vita. È quindi importante evitare di separare i figli dalle madri dopo il parto.

Per giungere a questa tesi, gli esperti hanno analizzato il funzionamento della corteccia prefrontale (CPF), ricca di recettori per la serotonina, un ormone importante per lo sviluppo nelle primissime fasi della vita e hanno misurato le onde elettriche generate dal cervello. Ovviamente, i test sono stati fatti su cuccioli di ratto. Dopo 3 esperimenti, i ricercatori hanno commentato:

“Messi assieme, i risultati indicano che il sistema serotoninergico fa parte della rete coinvolta nella modulazione dell’attività cerebrale dei cuccioli in risposta alla presenza della mamma. Anche se non abbiamo monitorato le specifiche attività all’interno del nido, possiamo ipotizzare, alla luce dei risultati ottenuti in questo e in studi precedenti, che l’aumento delle onde nella CPF possa essere dovuta a una combinazione di tre fattori: l’attaccamento alla mammella, il contatto fisico con la mamma e i ‘compagni di culla’, e l’odore materno”.

Perché è importante questo studio? Tralasciamo l’aspetto scientifico, molto complesso. Quello che ci dice è che un bambino che dovesse perdere la mamma in questa fase della vita o essere allontanato da lei, deve avere un dose extra di coccole e attenzioni per colmare il vuoto e per evitare che la perdita abbia ripercussioni sulla sua salute mentale.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 142 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail