Il bambino scalcia nel pancione? Sta mappando il suo corpo

I movimenti fetali sono molto importanti per il bambino perché sta imparando a conoscersi e sta imparando anche a conoscere l’ambiente che lo circonda.

Il bambino si muove molto e lo senti scalciare? Questa esperienza in un primo momento è molto emozionante, poi verso la fine della gestazione può diventare un pochino fastidiosa. Secondo uno nuovo studio, della University College di Londra, coordinato dall’italiano Lorenzo Fabrizi, il movimento degli arti dovrebbe servire a sviluppare stimoli sensoriali e conoscere l’ambiente. Insomma il bambino sta imparando a scoprire se stesso.

Durante la ricerca, il team ha preso in considerazione 19 bambini appena nati (due giorni di vita). Attraverso l’encefalogramma, gli studiosi hanno misurato le onde cerebrali rapide (registrabili soltanto fino a poche settimane di vita) prodotte dai neonati durante la fase Rem, con particolare attenzione a quando questi muovevano gli arti, registrando un legame tra l’azione compiuta e la risposta cerebrale.

Per rendere più comprensibile le scoperte ottenute, il movimento della mano destra del bambino mostrava un’intensificazione delle onde cerebrali nella parte sinistra del cervello, deputata a gestire il tocco di quella parte del corpo. Il coordinatore Lorenzo Fabrizi ha così commentato:

“I movimenti spontanei e la risposta dell’ambiente nelle prime fasi dello sviluppo sono necessari in animali quali i topi, per una corretta mappatura del cervello”.

Perché questo studio è importante? Ovviamente non è una semplice curiosità ma lo strumento attraverso cui gli esperti stanno cercando di rendere l’ambiente ospedaliero più a misura dei bambini prematuri.

Via | Skytg24

  • shares
  • +1
  • Mail