Salute dei bambini, censurato spot di caramelle gommose su Instagram

Le caramelle gommose e le gelatine non devono essere mangiate da bambini con meno di 5 anni.

Pensierini per i bambini delle elementari: caramelle comprate o fatte in casa, sono sempre un regalo gradito.

Le pubblicità devono promuovere ma non devono mandare messaggi ingannevoli. È molto sottile il filo della comunicazione e talvolta l’errore può essere molto grave e indurre a comportamenti errati, soprattutto quando lo spot è rivolto ai bambini. L’Istituto per l’autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha censurato una pubblicità di alcune caramelle gommose (le Fruit-tella Veggy-amici) pubblicate su Instagram a opera di tre account con un grosso seguito.

I testimonial si sono fatti fotografare insieme ai propri figli scrivendo claim come: “Con Fruittella possiamo concedere qualche peccato di gola in più ai nostri bimbi con più serenità”.

Tutto bene, apparentemente. In realtà, l’Istituto a decretato che questo spot è potenzialmente pericoloso perché induce il pubblico a “trascurare le normali regole di prudenza” e a “diminuire il senso di responsabilità” verso i pericoli. I bambini con meno di 4 anni che consumano caramelle o gelatine possono essere vittime di soffocamento, secondo il ministero della Salute.

Da qui il messaggio negativo: un genitore potrebbe pensare di poter dare in piena sicurezza la caramella al proprio piccolo senza incorrere nel rischio di soffocamento pediatrico. Secondo lo Iap, uno degli influencer negli spot ha provato a sistemare la situazione specificando che
la foto era “a scopo illustrativo perché queste caramelle sono adatte a bimbi più grandi”.

Via | repubblica

  • shares
  • +1
  • Mail