Bambini, nel 64% dei casi si fanno male in casa

Cadere, inciampare, capitombolare. È normale amministrazione per un bambino, ma il rischio di farsi male c’è e bisogna fare attenzione, soprattutto quando si è in casa.

In quale luogo è più facile farsi male? Il 74% delle lesioni trattate in ospedale avviene proprio a casa. Nei bambini sotto i 5 anni il 64% degli infortuni non mortali avviene nella propria abitazione dopo una caduta, mentre sotto i 14 anni la prima causa di morte è rappresentata dagli infortuni accidentali, che coinvolgono di più i maschi.

A darne comunicazione sono le nuove Linee guida sulla prevenzione degli incidenti domestici in età infantile, pubblicate dal ministero della Salute. Secondo i dati Istat, i casi di urto o schiacciamento sono più frequenti tra i bambini e i ragazzi tra i 6 e i 17 anni e l'ambiente dove si verifica il maggior numero di incidenti è il salone, dove si concentrano il 28,5% degli incidenti nei maschi e il 38,4% nelle femmine. E nel 75% dei casi, questi incidenti sono legate ad attività di gioco.

Fino ai 5 anni di età il 57% degli incidenti causa danni alla testa e l'incidente più tipico è la caduta con trauma alla testa che in oltre la metà dei casi dà origine a un taglio o a una ferita. Anche tra i 6 e 13 anni la caduta è l'incidente più ricorrente, ma ogni 4 incidenti si verifica un caso di urto o schiacciamento. Le lesioni più frequenti sono contusioni, escoriazioni e lividi soprattutto su braccia e gambe. A casa c'è un rischio maggiore del 22% di incidenti domestici associato a elementi potenzialmente pericolosi, come il pavimento del bagno e della doccia scivolosi, scale sdrucciolevoli, specchi e porte a vetro vicino alle scale.

  • shares
  • Mail