Il Triduo Pasquale spiegato ai bambini

Il momento più importante dell’Anno Liturgico è il Triduo Pasquale, i giorni precedenti alla morte di Gesù e la domenica di Pasqua.

La religione è complicata da spiegare ai bambini, ma nei periodi di Festa i genitori hanno molte occasioni per parlare insieme. Che cos’è il Triduo Pasquale? Sono i tre giorni precedenti la morte di Gesù e rappresentano il periodo più importante dell’Anno Liturgico.

Il Triduo inizia con il giovedì santo (solo la sera, non il giorno): uno dei suoi amici, con i quali ha condiviso tutto, che ha amato con tutto il suo cuore, lo tradisce. Stiamo parlando di Giuda e i suoi amici al momento di dimostrare coraggio, compassione e solidarietà lo lasciano solo. Durante l’ultima cena, il figlio di Dio compie un gesto unico: lava i piedi ai suoi discepoli, insegnando a tutti l’umiltà.

Un altro momento importante è l'eucaristia. Prende prima il pane e dice «Questo è il mio corpo», poi prende il vino e dice: «Questo è il mio sangue». Segue poi il Venerdì Santo, giornata in cui si ricorda il Cristo in croce. Il Sabato Santo è una giornata di attesa e di silenzio. Dopo la morte, gli amici di Gesù lo hanno lavato, profumato, avvolto in un lenzuolo e riposto in un sepolcro scavato nella pietra.

Infine la domenica di Pasqua. Gesù torna alla vita. Il sepolcro è aperto e il corpo non c’è più. Due angeli annunciano che è risorto. Il triduo santo o triduo sacro celebra gli eventi del Mistero pasquale di Gesù Cristo, ossia l'istituzione dell'eucaristia, del sacerdozio ministeriale e del comandamento dell'amore fraterno, e la passione, morte, discesa agli inferi e la resurrezione.

  • shares
  • Mail