La Carta di Milano contro l'abuso dell'immagine dei bambini nella comunicazione

bambini

Terre des Hommes, associazione onlus presente in tutto il mondo da 50 anni per difendere i diritti dei bambini, lancia un'importante petizione online, per la creazione della Carta di Milano, un vero e proprio documento che detti regole per chi sfrutta l'immagine dei più piccoli per scopi pubblicitari. Norme ben precise per difendere la dignità dei cuccioli d'uomo.

L'associazione Terre des Hommes da tempo è in prima linea nella difesa dei bambini da atti di violenza, abusi e sfruttamento, cercando di garantire a tutti una sana educazione, una corretta alimentazione e le cure sanitarie necessarie. Ma la Fondazione, presente anche in Italia, oggi vuole porre la nostra attenzione su come i media trattano l'universo infantile.

C'è bisogno di regole chiare e precise!

Noi adulti e anche i bambini siamo ogni giorno bombardati da immagini che ci propongono modelli educativi e comportamentali che spesso non sono corretti e distorcono la realtà. Possono potenzialmente compromettere la sana crescita di bambini e di bambine. In particolare è l'immagine che si dà dei più piccoli ad essere spesso strumentalizzata o portatrice di stereotipi discriminatori che non fanno bene nello sviluppo di chi rappresenta il nostro futuro.

Terre des Hommes invita tutti, genitori, psicologi, professionisti della comunicazione, istituzioni e anche semplici cittadini, a sottoscrivere un vero e proprio elenco di regole per stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato quando si usano i bambini nella comunicazione. La carta di Milano per il rispetto delle bambine e dei bambini nella comunicazione è un documento che si può sottoscrivere e condividere sui social e che si ispira alla Convenzione dei diritti del fanciullo, alla Carta di Treviso, al Keeping Children Safe, al Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale e all’esperienza del Child Guardian Award di Terre des Hommes.

Con la Carta di Milano vogliamo suscitare un dibattito intorno al tema dell’immagine dei bambini e delle bambine, contribuendo a creare, per i nostri figli un mondo più rispettoso e attento. Per questo la consegniamo oggi alla società civile e agli addetti ai lavori affinché la facciano propria, la sottoscrivano e la adottino nel loro concreto agire quotidiano facendola diventare un punto di riferimento per tutti coloro che operano nel mondo della comunicazione e per tutti i cittadini che intendano far valere, in ogni istante, l’interesse prioritario dell’infanzia.

Foto | Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail