Vitamina B6 in gravidanza: perché assumerla e quali cibi la contengono

Sono molte le donne che scoprono l’esistenza della vitamina B6 solo a seguito di una gravidanza. È una sostanza molto importante per bloccare o ridurre le famose nausee.




La vitamina B6 in gravidanza è spesso utilizzata per ridurre le nausee che colpiscono le donne nel primo trimestre. Pensate che questa sostanza è necessaria per il corretto funzionamento di oltre 60 enzimi. Il fabbisogno di questa vitamina idrosolubile aumenta proprio durante la gestazione, durante cui alcuni studi hanno dimostrato che livelli più alti questo prodotto sono associati a episodi di nausea meno frequenti o comunque meno intensi.

Intendiamoci, la B6 da sola non è in grado di risolvere totalmente la nausea, ma sono diversi gli integratori che danno parecchio sollievo, soprattutto quelli combinano questa vitamina allo zenzero. Se non desiderate acquistare questi prodotti da banco o il medico non ve li consiglia, potreste curare maggiormente la vostra alimentazione.

Sono ricchi di B6 le patate, il latte, le uova, il formaggio, i cereali e i legumi, ma anche le verdure, come piselli, spinaci, carote. È ottimo il pesce e va mangiato con moderazione il fegato. Si trova poi nella farina e nella carne in generale. È quindi estremamente diffusa e non sarà complicato bilanciare la dieta nel modo più corretto. Le donne hanno bisogno normalmente 1,3 milligrammi al giorno, in gravidanza la dose dovrebbe essere di uno 1.9 milligrammi, mentre in fase di allattamento 2 milligrammi.

Via | Farmaco e Cura

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail