Una morte dignitosa per il piccolo Charlie?