Nuova moda dagli States: boom di fotografi in sala parto

Viene dall'America la notizia di un nuovo trend made in USA, il boom dei fotografi professionisti in sala parto. Lo vorreste voi un fotografo in sala travaglio? Per me è un no tassativo, non sto lì neanche a rifletterci troppo. Ho sempre pensato al momento del parto in clinica o in ospedale come ad un attimo d'intensa intimità, un privilegio di pochi della cerchia familiare più stretta. Primo perchè nel momento delle spinte c'è un qualcosa di catartico, primitivo e così personale di noi donne, secondo perchè i minuti vicino al punto clou, cioè a quando il neonato vede la luce per la prima volta, sono quasi sacri, è il miracolo della vita e della natura che si scatena ( poi anche per ragioni di estetica, sicurezza e tanti altri piccoli dettagli).

E invece le puerpere e mamme americane la pensano anni luce da me. Secondo questa ricerca del NY Times, negli States, c'è stato un vero e proprio boom di richieste per fotografi professionisti, ingaggi pagati profumatamente per imprigionare gli attimi del parto e delle prime ore del bebè, una vera e propria moda, che a volte chiude un occhio alle leggi ancora vigenti in molti stati americani. Non so voi, ma per sbaglio mio marito mi ha scattato una foto con il cellulare in sala parto e per me non è davvero un bel vedere, forse meglio aspettare qualche oretta, e che mamme e bambini si riprendino da questa immane fatica?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail