Melania Corradini: da bambina disabile a campionessa olimpica

Melania CorradiniNon si è mai sentita un'handicappata Melania Corradini, ventidue anni, nata senza il braccio sinistro. In una piccola ma interessante intervista rilasciata a Vanity Fair, la Corradini racconta come i suoi genitori l'abbiano sempre trattata come una bambina normale, iscrivendola ad un corso di sci, malgrado molti tentassero di scoraggiarli, all'età di sei anni. A dieci anni Melania Corradini lascia la scuola di sci per bambini normali e si iscrive ad una per bambini disabili, a undici comincia con l'agonismo. Oggi rappresenta meravigliosamente l'Italia sportiva e ai Mondiali di sci per atleti disabili ha recentemente conquistato un oro, un argento e un bronzo.

Per poter seguire la figlia nelle trasferte, la mamma di Melania si è licenziata. Purtroppo la famiglia deve spesso sostenere costi elevati per consentire alla figlia di proseguire nello sci agonistico e questo perché gli sponsor non si interessano agli atleti disabili. Melania Corradini e i suoi genitori sono tuttavia l'esempio di come la disabilità possa essere vissuta in modi diversi: se considerata un limite porta problemi, se considerata una risorsa porta con sé la forza di superare quegli stessi problemi e di andare oltre le aspettative. Io non so cosa farei con un figlio disabile, ma persone come Melania sono un faro per chi cerca una risposta e una strada da seguire.

Via | Vanity Fair
Foto| Arte e salute

  • shares
  • Mail