La tv fa male ai bambini, anzi no: i diversi pareri degli specialisti

Neonata che guarda tvLeggo su Vanity Fair un trafiletto sui danni della televisione: stando ad una ricerca pubblicata sulla rivista Pediatrics guardare la tv già a partire dai 6 mesi di età non crea problemi nello sviluppo dei bambini. In pratica i presunti deficit causati da una lunga permanenza davanti allo schermo televisivo sarebbero di minima rilevanza: i bambini video dipendenti sono sportivi o intelligenti o socievoli tanto quanto gli altri. Viceversa non è dimostrabile che un uso della tv nei primi due anni di età migliori le capacità di apprendimento dei piccoli. Incuriosita, sono andata in rete a cercare conferma a questa ricerca. Personalmente infatti credo che faccia davvero male passare anche "solo" due ore al giorno davanti alla tv.

Cosa ho trovato? Ricerche con esiti decisamente differenti gli uni dagli altri. Se volte controllare vi basta dare prima un'occhiata alle notizie di Yahoo e e poi a questo articolo di Punto Informatico. Entrambi i siti citano ricerche pubblicate sulla rivista Pediatrics solo che nel primo caso i danni vengono minimizzati e nel secondo invece si sottolineano i grossi problemi da deficit di attenzione che un uso continuo della tv può generare. Sono sempre molto perplessa quando leggo di queste ricerche forse perchè mi sembra quasi ovvio che guardare un cartone non rovinerà l'esistenza di mia figlia come è altrettanto ovvio che è meglio giocare al parco piuttosto che stare sul divano davanti alla tv.

Dello stesso parere è il giornalista di Punto Informatico. Mi sento a questo punto solo di fare una piccola annotazione: cerchiamo di non farci influenzare da ogni articolo che leggiamo, ma cerchiamo anche di non usare certe notizie come alibi per la nostra pigrizia. Tutti a volte siamo stanchi e allora un bimbo che guarda la tv è una salvezza, ma non possiamo credere che sia una valida soluzione al "problema" bambini che vogliono stare con i genitori.

Via | Vanity Fair
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail