Come imparare ad essere dei buoni genitori? Con "Alla ricerca di Nemo"

Non si smette mai di imparare per essere dei buoni genitori. Certo, lungo il percorso tra papà e mamma ci possono essere delle incomprensioni sull'educazione ma bisogna pensare che c'è di mezzo un figlio o dei figli, per cui bisogna venirsi incontro, comunicare, molto più di quanto si faceva da coppia.

Non so se avete visto Alla ricerca di Nemo, il film del 2003 -il 26 ottobre esce al cinema rimasterizzato e convertito in 3D-, ma se ci pensate bene, molte cose si possono imparare dall'esempio di Marlin, padre iperprotettivo, e Scorza, la tartaruga centenaria che lascia ampia libertà a Guizzo affinchè faccia nuove esperienze e impari a cavarsela da solo.

Certo dipende anche dalle esperienze che si hanno nel corso della vita -Marlin ha perso la compagna e molti futuri pesciolini divorati da un barracuda, per cui è comprensibile che sia un genitore elicottero nei confronti del figlio unico, Nemo, che da parte sua scalpita come un qualsiasi piccolo della sua età-. Il rapporto che avete con vostro figlio è come quello tra Nemo e Marlin o come quello tra Scorza e Guizzo? Non sempre si hanno le idee chiare: per coloro che ancora lottano -come me e mio marito- per diventare una coppia di genitori ben oliata, segnalo qualche spunto di riflessione:

Considerate di essere in due
Non si può cambiare il compagno o se stessi anche se è possibile migliorare e imparare gli uni dagli altri. L'importante è seguire l'istinto di genitori, per quanto diversi essi siano. L'importante è essere fedeli alle linee personali e accettare che anche il compagno faccia lo stesso. Questo sarà un bene per vostro figlio, perchè per avere un rapporto sano e produttinvo non c'è bisogno di negare se stessi.

Accettare le differenze dell'altro
Sarebbe bello se si andasse d'accordo su tutto, ma è quasi impossibile. Personalmente ho un indole più simile a Scorza che a Marlin, mentre mio marito è il contrario: l'importante è rispettare i pareri contrastanti. L'importante è cercare di bilanciarsi per amore dei bimbi. Fare attenzione a questo vuole dire amare e avere cura dei piccoli.

Comunicare l'un l'altro
Parlate tra voi, consigliatevi - non in presenza dei bambini-, cercate una strada su cui ci si può incontrare per crescere ed educare nel migliore dei modi il piccolo di casa. Il vostro bimbo acquisterà in serenità e vi considererà sempre dei punti di riferimento nel corso della sua vta.

Via | Wired

  • shares
  • Mail