Le cause dell'infertilità maschile e femminile più comuni

Quali sono i fattori che più comunemente possono compromettere la fertilità di uomini e donne? Scopriamoli

L'infertilità, sia maschile che femminile, è in aumento nel mondo occidentale, dove il tasso di fecondità cala sempre più in proporzione. Questo trend è particolarmente tangibile nel nostro Paese, dove secondo recenti dati Istat si fanno sempre meno figli.

Ma quali sono le ragioni non sociali (quindi non legate ad una scelta più o meno obbligata di non fare figli), ma propriamente fisiche, organiche, a questo calo della fertilità? Esse sono diverse, molte delle quali legate allo stile di vita.
Infertilita-cause

La fertilità, infatti, è legata alla salute dell'apparato riproduttivo, regolata dagli ormoni, e sappiamo come sia facile alterare la funzionalità endocrina anche solo modificando alcuni aspetti dello stile di vita (ad esempio l'alimentazione). Vediamo, quindi, le principali cause di infertilità femminile:


  • Età, per la fisiologica riduzione del numero degli ovociti. La donna subisce tre importanti cali della propria fecondità, un primo dopo i 30 anni, un secondo dopo i 35, e infine un terzo, abbastanza drastico, dopo i 40. Aspettare troppo per cercare un figlio può ridurre in modo importante le probabilità di restare incinta facilmente in modo naturale
  • Fibromi uterini
  • Disturbi alimentari e diete drastiche
  • Endometriosi
  • Infezioni agli organi riproduttivi da malattie veneree (come Gonorrea o Clamyidia, spesso asintomatiche)
    Fumo (produce invecchiamento precoce di utero e ovaie)
  • Cure farmacologiche di vario tipo


  • Menopausa precoce

Per quanto riguarda gli uomini, invece, i nemici della loro fertilità sono:


  • Varicocele, un disturbo venoso dei testicoli che riduce la vitalità degli spermatozoi
  • Parotite (orecchioni), contratta dopo la pubertà
  • Diabete e malattie metaboliche
  • Traumi al midollo osseo, che possono provocare problemi di erezione e di eiaculazione
  • Cure farmacologiche di vario tipo

Queste sono le cause che più comunemente possono ridurre la fertilità di uomini e donne, e sono anche quelle che portano le coppie a rivolgersi ai Centri che si avvalgono delle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Per mantenere a lungo la propria fertilità è quindi bene curare in toto la propria salute, seguire uno stile di vita salutare, alimentarsi bene, non fumare ed effettuare regolari visite ginecologiche e controlli andrologici.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail