I bambini sono sempre più stressati

baby stressUn bambino oggi ha il 50% di probabilità in più di soffrire di stress rispetto a quindici anni fa. Il dato allarmante proviene da uno studio dell’Università Complutense di Madrid che ha raffrontato stili di vita e modelli comportamentali sociali giungendo alla conclusione secondo cui le madri sono le prime responsabili di tale stress nei propri bambini, a causa dei ritmi di vita eccessivamente rapidi cui vengono sottoposti i bebè di donne che non sono disposte a rinunciare ad alcun aspetto della propria vita.

Secondo lo studio il livello di stress nel bebè si può generare addirittura prima della nascita, durante la gestazione: le donne lavorano fino a poco prima del parto, organizzano e pianificano il proprio ritorno al lavoro, continuano a svolgere tutte le attività che facevano prima della gravidanza e spesso chiedono a se stesse molto di più per riuscire a reggere i ritmi nuovi che con la gravidanza, secondo alcuni, dovrebbero invece allentarsi.

Tra le cause, però, non solo le mamme ipercinetiche o eccessivamente apprensive ma anche i ritmi di sole e oscurità, le condizioni ambientali, il rumore, l’isolamento e l’alimentazione. Proprio nell’alimentazione, insieme ai disturbi del sonno, si manifestano i sintomi dello stress.

Le soluzioni, invece, sono quelle che suggerirebbe comunque il buon senso: equilibrio, in tutti i campi, da quello emozionale a quello ambientale alla sfera alimentare. Il bambino che ha ritmi sereni e non subisce sbalzi traumatici nei primi mesi della propria vita svilupperà meno la sindrome da stress che sembra colpire sempre più frequentemente i figli di oggi.

Via | Bebesymas.com

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail