Dosaggi ormonali per gravidanza, quali test fare prima di restare incinta?

Quando si decide di concepire un bambino, è utile effettuare alcuni dosaggi ormonali per controllare che l'attività ovarica sia quella ottimale per programmare una gravidanza. Ecco i test da fare

Una donna che voglia diventare presto mamma e che, magari, non sia più giovanissima o abbia un ciclo mestruale non proprio regolare, prima di restare incinta, o almeno di provarci, dovrebbe sottoporsi ad alcuni semplici e non invasivi test del sangue per il dosaggio ormonale.

E' importante, infatti, al fine di scoprire in fase precoce eventuali disfunzioni endocrine o ovariche che possono rendere difficile il concepimento, compiere questo semplice screening preventivo ancora prima di provare in modo "sistematico" a restare incinta.

Dosaggi-ormonali-gravidanza

Certo, una ragazza giovane, che non abbia problemi mestruali, probabilmente inizierà una gravidanza fin dai primi rapporti sessuali mirati, ma talvolta il concepimento non è così automatico, soprattutto quando le ovulazioni non siano regolari. Tra i fattori che possono ostacolare una gravidanza ci sono, infatti, disturbi della tiroide, iperprolattinemia, insufficiente produzione di estrogeni, ovaio policistico, diabete, pre-menopausa precoce eccetera.

Vediamo, pertanto, quali sono i dosaggi ormonali più utili per capire se l'attività ovarica
è ottimale, se l'ovulazione si verifica regolarmente ed è pertanto possibile cominciare subito a cercare un bambino.


  • FSH (ormone follicolo-stimolante): misura la concentrazione dell'ormone che stimola la produzione degli ovociti. Il dosaggio si esegue tra il terzo e il quinto giorno del ciclo
  • LH (ormone luteinizzante): un dosaggio che si effettua insieme all'FSH. Quando questo valore supera quello dell'FSH potrebbe indicare un ovaio policistico
  • Estradiolo (17-beta-estradiolo o E2): aumenta in fase follicolare (man mano che gli ovociti maturano nell'ovaia), e si misura sempre, come gli altri due, tra il 3° e il 5° giorno del ciclo
  • Progesterone: con questo dosaggio che si esegue al 21mo giorno del ciclo, si misura l'avvenuta ovulazione. Il valore superiore ai 5 ng/ml ci informa che l'ovulazione c'è stata
  • Prolattina: se i valori sono troppo elevati possono indicare disturbi endocrini, oppure alti livelli di stress. La iperprolattinemia impedisce il concepimento
  • Ormoni della tiroide (TSH, FT3 e FT4): misurano la funzionalità della tiroide, e quando "sballati", oltre a provocare vari disturbi, rendono anche irregolare il ciclo mestruale fino all'amenorrea (assenza di mestruazioni)

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail