Le 5 fobie nei bambini più comuni

I bambini sono spesso vittime di fobie, che fanno parte del loro percorso di maturazione e di crescita. Vediamo quali sono le più comuni

Tutti i bambini, anche quelli più equilibrati e sicuri di sé, durante la crescita manifestano alcune fobie, che fanno parte del loro normale percorso di maturazione.

Le fobie, ovvero paure immotivate, cambiano con l'età, diventano più "sofisticate", astratte e individuali. Nei primi anni, invece, quasi tutti i bimbi hanno le stesse fobie, che spesso hanno a che vedere con la paura di restare da soli, di essere abbandonati, o di oggetti e immagini specifiche che popolano i loro incubi.

Fobie-bambini

E' importante stabilire la differenza tra paure "normali" e fobie, perché le prime sono legate in genere a qualche episodio specifico che può aver turbato il bambino e si manifestano in circostanze analoghe (ad esempio la pura dei ragni che si reitera ogni volta che il piccoli si trovi a contatto con questi insetti o tema di poterli vedere) senza, però, creare ansia in altri momenti.

Le fobie suscitano invece reazioni "esagerate", eccessive e immotivate, ma questo non significa che siano sintomi di qualche disagio psichico particolare. Ogni persona sana ha avuto qualche fobia irrazionale in età infantile, ed è riuscito a superarla (anche se, a volte, non proprio benissimo), pertanto le mamme e i papà non devono enfatizzare il problema. Vediamo quali sono le 5 fobie più comuni nei bambini che possono generare in loro ansia:


  1. Animali. E' una fobia comune che a volte non ha ragioni evidenti. Ci sono bambini che manifestano terrore di alcuni animali con cui non hanno, in realtà, mai avuto a che fare
  2. Buio. E' forse la fobia che tutti abbiamo avuto da piccoli. Il buio rappresenta l'ignoto popolato ci potenziali mostri e creature immateriali, il bambino non riesce ancora a disgiungere la realtà dalla fantasia e il buio rappresenta qualcosa di oscuro e minaccioso


  3. Fenomeni naturali come temporali (soprattutto lampi e tuoni). Anche in questo caso si tratta di situazioni che spaventano i bambini perché sono improvvise, esplosive e incontrollabili


  4. Fobie sociali. Sono legatE al fatto di doversi confrontare con altre persone di essere "giudicati". Tra queste la più comune è la fobia della scuola
  5. Fobia del medico e del dentista. Anche in questo caso siamo di fronte ad una fobia sociale che, però, è legata anche la paura del dolore e di strumenti specifici (siringhe per le iniezioni, ad esempio)

Quando le fobie diventano soverchianti, e il bambino ne diviene totalmente vittima, cosa che può creargli un blocco nello sviluppo psico-sociale e cognitivo, allora è il caso di indagare se all'origine della paura immotivata non ci sia un disagio più profondo che per esser superato necessita di un percorso terapeutico dietro la guida di uno psicologo infantile.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail