Simulatore di parto cesareo, i medici si allenano alle emergenze

Parto Cesareo, il simnulatore desperate Debra

Un passo avanti da giganti nel campo della medicina e nello specifico nelle operazioni di parto cesareo d'emergenza, arriva dalla Gran Bretagna e si chiama "Desperate Debra". Cos'è? Un vero e proprio simulatore che serve per insegnare ai ginecologi e ai chirurghi come agire in caso di urgenze e pericolo di complicanze nel parto. Si tratta di un pancione finto, con tanto di bambolotto incorporato, in silicone e plastica, che copia lo stato di una gravidanza quasi a termine.

Grazie a quest'innovazione si son già capite nuove nozioni su come si deve agire se la mamma e il bambino presentano all'arrivo in ospedale complicazioni che potrebbero nuocere alla salute e alla vita della coppia madre-figlio. Quali? I medici hanno notato che quando il bambino si incastra bisogna prima di estrarlo con il taglio, spingere indietro, un'azione che sembra semplice e banale ma che salva davvero vite.

Inoltre serve per far apprendere agli specialisti del parto come dosare la giusta forza per far nascere il bambino senza problemi.

Parto Cesareo, il simnulatore desperate Debra Parto Cesareo, il simnulatore desperate Debra Parto Cesareo, il simnulatore desperate Debra


Progettato in principio da Graham Tydeman, un consulente in ostetricia e ginecologia all'ospedale Nhs Fife, il simulatore è stato poi perfezionato per mostrare al medico come ci si sente davvero in questi casi, quali sono le forze in gioco e le reali condizioni di madre e nascituro e per garantire un parto il più sicuro possibile. Andrew Shennan, docente di ostetricia, così ha parlato alle telecamere della BBC:

I cesarei d'emergenza possono essere impegnativi e rischiosi. Un problema specie durante la notte, quando i medici con un'esperienza specifica potrebbero non essere disponibili. Utilizzare Desperate Debra per aiutare i medici a formarsi e a imparare ad affrontare questa emergenza, dovrebbe ridurre il rischio di gravi complicazioni per il bambino e la madre.

Via | Yahoo notizie
Foto | TM News

  • shares
  • Mail