Autostima del bambino, le 9 cose da non dire mai ai figli

L'autostima dei bambini si costruisce anche attraverso i rinforzi e le rassicurazioni dei genitori. Ma basta poco per distruggerla: frasi sbagliate che feriscono i nostri piccoli più di quanto immaginiamo. Ecco le 9 cose da non dire mai ai figli

L'autostima è la percezione di ciò che "valiamo", una auto considerazione sulle nostre capacità e potenzialità che ci permette di raggiungere i traguardi che ci prefiggiamo e che collimano con le nostre aspirazioni.

L'autostima di un individuo adulto si costruisce nella prima infanzia, perché è proprio nei primi anni di vita che il bambino acquisisce consapevolezza di sé e sicurezza attraverso le esperienze che affronta giorno per giorno ma soprattutto, più di tutto, attraverso il giudizio altrui. In primis quello dei genitori.

Autostima-bambini

In questa fase delicata le strategie educative di mamme e papà devono perciò essere volte ad aiutare il proprio figlio a diventare forte e sicuro di sé, in grado di sviluppare i propri talenti, di mettere a frutto le proprie capacità, di affrontare la vita senza timore ma con il giusto grado di positività.

Un bambino con bassa autostima, però, si troverà a non avere gli strumenti interiori necessari per esprimere il proprio potenziale, perché crederà di non avere nessuna chance - e nessun diritto - di farsi valere nella vita, si autoconvincerà di non essere in grado di superare determinate prove e di non essere abbastanza intelligente, abbastanza forte, abbastanza bello, abbastanza "tutto", per centrare gli obiettivi che sono, ai suoi occhi, alla portata di tutti gli altri.

Un bambino con bassa autostima crede di valere poco, di essere un incapace cronico, e questa convinzione gli può derivare solo e esclusivamente da giudizi negativi sulla sua persona che assorbe dall'esterno e che, provenendo da figure autorevoli e amate come i genitori, non possono essere da lui filtrate e interpretate, non possono essere "prese con le molle" ma vengono assunte in toto come verità assodata.

Possiamo perciò capire quanto questo sia mortificante per i figli, quanto una bassa autostima possa tarpare loro le ali e costringerli a sentirsi costantemente inferiori, quanto giudizi ingiusti e "leggeri" possano ferirli e addolorarli. Le mamme e i papà devono sempre stare molto attenti a ciò che dicono ai loro bambini, soprattutto davanti agli altri.

Attenzione ai paragoni ingiusti, attenzione alle frasi ironiche e alle intimidazioni, attenzione alle valutazioni di merito distruttive. Ecco, allora, una lista di 9 frasi da non dire mai ai bambini, perché possono seriamente ledere, se ripetute spesso, la loro autostima:


  1. "Lasciami in pace"! Oppure: "Vattene, ora sono occupato", oppure: "Mi stai disturbando"
  2. "Sei così... " (timido, monello, disordinato, cicciottello, distratto, imbranato e... chi più ne ha, più ne metta)
  3. "Non piangere", oppure: "Non c'è ragione di avere paura", oppure: "Non fare il bambino piccolo"
  4. "Perché non puoi essere un po' più simile a tua sorella/fratello"?
  5. "Puoi fare meglio di così!"
  6. "Smettila o ti darò un motivo vero per piangere"
  7. "Aspetta che papà rientri a casa... "
  8. "Sbrigati"
  9. "Ottimo lavoro" o "Bravo bambino" (se detto per ogni piccola cosa che il piccolo fa, questo rinforzo positivo perde completamente di valore e rischia di far sentire il bambino un po' "scemo")

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest
Fonte| parenting.com

  • shares
  • Mail