La tecnologia e i bambini

Lo spunto arriva da un video che mostra un bambino piccolissimo alle prese con un iPhone. Il papà gli mostra come funziona e il piccolo, di appena un anno, è già in grado di scorrere le foto e appare piuttosto interessato. La domanda è: fa più tenerezza o impressione?

Forse perché un bambino lo visualizziamo più facilmente con un sonaglio in mano che non con un oggetto di alta tecnologia? D’altronde i bambini di oggi crescono immersi nell’hi-tech e tardare l’apprendimento di ciò che domani sarà parte integrante della vita di chiunque non è forse controproducente?

Un altro punto della diatriba tra favorevoli e contrari è relativo alle capacità motorie e cognitive di bambini così piccoli, che non riescono ancora a comprendere e a maneggiare certi strumenti di dimensioni ridotte e dal funzionamento articolato con il risultato di distruggerli con una certa facilità (chi non ha visto perire il proprio fragile iPod nelle mani del suo piccolo curioso?).

Qualcuno suggerisce l’ideazione di prodotti simili pensati apposta per loro – diversi sono già i lettori musicali e da tempo circolano piccoli notebook pieni di giochi di apprendimento, anche se pensati per i bambini più grandicelli. Voi come la vedete?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: