Mare o montagna per i bambini? Il parere degli esperti

Bimba che gioca con le ondeMare o montagna? Un eterno dilemma. Quale vacanza è più salutare per i bambini: quella in cui si tuffano tra le onde o quella in cui camminano tra i boschi? Qui al nord mi guardano male se non insegno alla Ben l'arte delle escursioni, mentre quando torno al sud mi additano come una madre quasi cattiva perché mia figlia non è abbronzata e non conosce il mare. Anche la pediatra, durante una delle ultime visite, ha detto: "Fate in modo di portarla al mare quest'estate, mi raccomando".

Mio marito, uomo del nord est, non ha gradito. Io mi sono messa a caccia di informazioni e preventivi, chiedendomi se il lago non potesse rappresentare una valida via di mezzo, un modo per tenere contenti tutti. Poi abbiamo pensato che potremmo restare a casa e fare escursioni nei posti che più ci piacciono (abbiamo tutto a distanze ragionevoli). In realtà per noi, come per molti altri, la vacanza è economicamente un problema. Ma se un pediatra ti dice di portare il bambino al mare i sensi di colpa travalicano ovviamente il portafogli.

Alla fine, sono stata salvata dal mio amato Uppa. In un articolo on line, racchiuso negli archivi della rivista, ho trovato proprio ciò che cercavo. Effettivamente c'è una certa differenza tra montagna e mare: l'aria di montagna sembra stimolare il sistema immunitario mentre il mare aiuta a liberare le vie respiratorie e quindi se il bambino ha uno specifico problema è preferibile attenersi a tali indicazioni.

Nei casi restanti se vi chiedete dove sia meglio andare se al mare o in montagna (cito testualmente)

La risposta più ragionevole
è:“Dove vi fa più piacere”, perché se non c’è piacere che vacanza è?
E poi perché l’essere a proprio agio è la cura più importante
che ci sia, non solo per la salute mentale della famiglia ma anche,
eventualmente, per la malattia.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail