Gravidanza: si possono mettere i tacchi alti?

tacchi alti Sono capitata in centro qualche giorno fa e mi ha colpita una donna con pancione vestita di tutto punto e con un paio di scarpe non proprio che non mi sono sembrate adatte alla gravidanza. Le scarpe in questione, infatti, erano alte almeno dieci centimetri!

Del resto, anche le dive sfoggiano sui giornali pancioni portati con disinvoltura su tacchi vertiginosi. Allora mi è sorto un dubbio: sono tutte mamme sciagurate oppure non c’è un divieto assoluto sull’uso dei tacchi? Insomma, cosa consigliano i medici?

Dal secondo trimestre in poi il peso della pancia ci costringe a stare con il bacino in avanti e la schiena all’indietro. Dunque, alcuni muscoli sono soggetti ad una contrazione innaturale che può infiammare le terminazioni nervose. Per questo motivo, tutti i medici ritengono necessario un buon equilibrio che si raggiunge con un tacco alto da 2 a 4 centimetri. Con misure superiori, l’80% del peso finisce sulle punte dei piedi causando problemi alla schiena e rendendo instabile l’equilibrio.

Dunque, il tacco da dieci è decisamente troppo per una donna incinta. Ma neppure quello rasoterra va bene. Le ballerine, per esempio, spostano il baricentro troppo indietro aumentando la curvatura della schiena. Meglio addirittura tacchi specie se si indossano per un tempo limitato come, per esempio, un paio d’ore al giorno.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: