Svezzamento, i vantaggi del piatto unico

Lo svezzamento con piatto unico ha sicuramente molti vantaggi e secondo lo schema tradizionale rappresenta la base per la prima conoscenza con cibo che sia diverso dal latte materno o artificiale preso nei primi sei mesi di vita dal cucciolo.

Lo svezzamento con piatto unico è la base dello schema tradizionale che permette al bambino di passare da un'alimentazione esclusiva a base di latte materno o artificiale ad una dove comincia a conoscere cibi più solidi, ad assaporare nuovi sapori. Lo svezzamento si inizia non prima dei sei mesi e secondo lo schema classico prevede una "pappa" completa di tutto.

Le prime pappe dei neonati di 6 mesi, infatti, altro non sono che dei piatti unici, da servire con tutti gli ingredienti perfettamente frullati (diverso l'approccio, invece, se parliamo di autosvezzamento). Questi piatti unici sono formati da brodino vegetale, crema di mais e tapioca o di riso o di altro, passato di verdure, omogeneizzato di carne (più avanti verranno introdotti anche altri sapori, come pesce, formaggio...), olio e parmigiano grattugiato.

Sicuramente il vantaggio del piatto unico per lo svezzamento è la velocità di preparazione, oltre che di somministrazione del pasto: i bambini così piccoli si stancano presto e proporre loro tutto in un'"unica soluzione" è la scelta più efficace. Inoltre è tutto frullato insieme, consentendo al piccolo di prendere confidenza con il cucchiaino, con nuove consistenze e nuovi sapori in maniera soft.

Il piatto unico diventa una soluzione infallibile anche quando i bambini crescono e non gradiscono stare troppo a tavola: un unico piatto con tutti i nutrienti necessari, ovviamente non più frullati, può rappresentare una scelta perfetta per i nostri cuccioli e anche per noi!

Svezzamento e piatto unico

Foto | da Flickr di vialbost

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail