La mania di aprire e chiudere porte, sportelli e cassetti

bambino alla porta E' già da un po' che mio figlio si tiene in piedi e si sente abbastanza sicuro da appoggiarsi con una mano da qualche parte per non perdere l'equilibrio e smanettare a gò-gò con l'altra. Una delle sue passioni più grandi è quella di aprire e chiudere tutti i mobili di casa possibilmente tirando fuori tutto ciò che gli capita a tiro.

Se vede una porta, poi, non smetterebbe mai di aprirla e chiuderla con un'espressione di tale impegno e concentrazione che mi chiedo cosa possa scorgere in quel gesto ripetuto tante volte. In realtà, la passione di mio figlio è comune a tutti i bimbi tra un anno e poco più: sono curiosi e per loro ogni barriera è una sfida da vincere per scoprire qualcosa di nuovo.

In questo modo, poi, imparano pian piano ad essere autonomi e a muoversi da soli. Mi chiedo spesso, specie quando sono molto stanca, quale sia l'atteggiamento giusto? Controllarlo da vicino per paura che possa farsi male o lasciarlo completamente libero di sperimentare? Anche se non ce ne rendiamo conto, il mobile della cucina o il cassetto dell'armadio sono i giochi che preferisce perchè nessuno glieli porge, ma è lui che li ha scelti.

Ecco perchè la maggior parte dei pediatri e degli psicopedagogisti dell'età evolutiva suggerisce di non eccedere nei controlli. E' pur vero, però, che bisogna spiegare al più presto al bimbo quali sono le zone off limits della casa come l'armadietto dei medicinali e il cassetto in cui abbiamo i coltelli. Per evitare cadute ed urti più gravi, poi, sarebbe bene smussare gli angoli dei mobili prevedendo delle protezioni in gommapiuma.

Ma noi mamme sappiamo bene che, nonostante le buone intenzioni, i nostri bimbi sono più svelti e furbi di noi e che impareranno solo a furia di cadute e botte piuttosto che dalle nostre protezioni.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail