Cosa fare con gli incubi notturni nei bambini piccoli

incubi-notturni-bambini

Siete state mai svegliati, nel corso della notte, dal bimbo che nel lettino piange disperato? Con il mio piccolino capita, e in questi casi ha difficoltà a riprendere sonno: probabilmente ha avuto un incubo. Per sapere se si tratta di un incubo sappiate che questo genere di episodi, pesanti da sostenere per i bambini piccoli, si verificano di solito durante la seconda metà della notte, quando è più probabile che si sogni.

La maggior parte dei bambini hanno incubi una volta ogni tanto a partire dai 2 anni di età, mentre tra i 5 e gli 8 anni di età sono più frequenti perchè i bimbi comprendono cosa voglia dire trovarsi in pericolo. Forse hanno ascoltato una storia che li ha impauriti o guardato un programma tv, un film che li abbia eccitati particolarmente tanto da essersi addormentati con un certo stress addosso.

Cosa fare in questi casi?
Se nel corso della notte il bimbo si sveglia gridando, andate da lui, rassicuratelo fisicamente, abbracciandolo o accarezzandolo sulla schiena, parlategli con dolcezza, finché non si calma. L'idea di portarlo al lettone sembra la soluzione ideale per consolarlo, ma potrebbe essere un'abitudine per il piccolo, difficile da "estirpare".

Se il bimbo è in grado di parlare lasciate che vi racconti dell'incubo se vuole, ma non premete affinchè lo faccia. A questa età si capisce la differenza tra realtà e fantasia e se ha bisogno di scaricarsi ve lo racconterà di sicuro.

Via | Babycenter
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail