Atteggiamento scoliotico convesso nei bambini: gli esercizi per migliorare la postura

atteggiamento scoliotico nei bambini

L'atteggiamento scoliotico convesso nei bambini è molto comune, non è però come sembrerebbe relazionato alla scoliosi, si chiama così perchè la colonna si "atteggia" e simula il disturbo più grave, che invece è una deviazione laterale con rotazione e deformazione permanente e quindi irreversibile della colonna vertebrale. Questi due disturbi della schiena appaiono a prima vista quasi simili, in entrambi i casi vi è infatti una sopra elevazione della spalla ed alle radiografie una deviazione laterale del rachide, ma bisogna lasciare da parte gli equivoci, l'atteggiamento scoliotico nei bambini è una postura viziata e scorretta prolungata nel tempo e si può modificare con della buona ginnastica posturale.

Quali sono gli esercizi per migliorare la postura nei bambini? Nel caso di atteggiamento scoliotico è importante intensificare le attività motorie e fare della buona ginnastica per recuperare l'equilibrio della colonna. Un buon fisioterapista è alla base di tutto perchè gli esercizi devono essere personalizzati a seconda del bambino, anche se una volta imparati ( i bambini li assimilano in più tempo) si possono facilmente fare a casa. Sfatiamo un luogo comune, il nuoto fa sì bene alla schiena e allo sviluppo fisico, ma non vuol dire che automaticamente elimini l'atteggiamento scoliotico, per questo ci vogliono esercizi mirati. La prevenzione degli atteggiamenti scorretti è importantissima e attuabile attraverso un'accurata visita dallo specialista, e sviluppando accorgimenti di igiene comportamentale nonché stimolando il movimento in generale. L’attenzione dei genitori in un primo momento è fondamentale, dobbiamo capire che c'è qualcosa che non va nella postura del bambino e rivolgerci ad un’educatore professionista, questa è la base per curare e modificare le alterazioni del portamento. Il passo successivo è decidere insieme un'adeguata educazione fisica con esercitazioni costanti nel tempo, mirate ad insegnare al bambino, nel possibile, a prendere coscienza del proprio corpo e del controllo del proprio atteggiamento, per questo gli esercizi devono coinvolgerlo e motivarlo a collaborare.

Per prima cosa quindi il bambino viene stimolato attraverso giochi e piccoli esercizi a prendere coscienza del proprio atteggiamento scorretto (che per lui è normale), a riequilibrarsi e a rimuovere l’atteggiamento scorretto abituale in modo definitivo (almeno per quel momento di crescita di statura). Mentre è compito dello specialista quello di pianificare un programma di lavoro graduato e mirato ma anche progressivamente adattabile all’evolversi degli aggiustamenti e delle risposte del bambino o ragazzo. I metodi di attività motorie preventive usati sono tantissimi, si va dalle tecniche compensative e adattative utili al trattamento dei vizi di portamento e delle patologie a carico della colonna vertebrale , dal metodo Klapp al metodo Niederhöffer; dal metodo Mézières, al metodo degli equilibri, al metodo IOP di Pivetta, al metodo lionese, al feedback, ai metodi di derotazione vertebrale.

Via | Saluteschiena.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail