Come curare la dermatite atopica nei bambini

La dermatite atopica è una croce per moltissimi bambini: quali sono i sintomi cui prestare attenzione e soprattutto come si cura?

dermatite

La dermatite atopica colpisce con una certa frequenza i neonati e i bambini e i genitori devono imparare a riconoscerla e a curarla con un po’ di attenzione. Con dermatite s’intende un’infiammazione della cute caratterizzato da un eczema (pelle rossa, pruriginosa, secca e piccole bolle sulle guance, sulla fronte o sul cuoio capelluto).

Questo disturbo può manifestarsi un po’ in tutto il corpo, dagli arti al tronco e per i bambini risulta essere davvero fastidioso. Potrebbero faticare a dormire a causa del prurito e dimostrare una certa insofferenza. Perché si manifesta? Potrebbe essere una questione allergica, sia alimentare sia da contatto. Molto spesso i detersivi risultano essere molto aggressivi per la cute dei piccoli.

Anche vestirli troppo, magari con abiti sintetici, può favorire sudate eccessive e la comparsa dell’eczema. Come si cura? Prima di tutto non esagerando con i lavaggi del bambino (non più, se molto piccolo, di 2 o 3 volte la settimana). Asciugatelo sempre molto bene, tamponando la pelle con una salvietta morbida di cotone o lino. Usate saponi delicati, preferendo l’amido di mais. Idratate la pelle con dell’olio (Vea va benissimo). Nel caso non dovesse passare e soprattutto essere estesa in modo grave, consultate il medico del piccolino potrebbe avere bisogno di antistaminici o di antibiotici, per curare o prevenire infezioni secondarie.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail