Ernia ombelicale nel neonato, quali le cause e i rimedi

ernia-ombelicale-neonatiQuando i piccoli hanno pochi mesi le ansie e le preoccupazioni che qualcosa non va sono ricorrenti. Sta alle mamme e ai papà imparare ad essere il più razionali possibile quando sopraggiunge un problema. Certo è molto più facile a dirsi che a farsi, soprattutto quando abbiamo a che fare con il primo figlio, e non siamo allenati.

Uno dei problemini, tra i più frequenti, nel neonato è l'ernia ombelicale. Colpisce la zona sopra o sotto l’ombelico e i gonfiore si evidenzia maggiormente sotto sforzo -quando i bimbi piangono o tossiscono-. Ma quali sono le cause? L'ernia si forma per un difetto di chiusura della parete addominale, dopo la caduta del cordone ombelicale. La parete addominale dei piccoli, nei prime mesi di vita, deve ancora formarsi del tutto, in quanto i muscoli retti dell’addome sono ancora un poco lontani tra di loro. Nel momento in cui tutta la parete è sviluppata, l'ernia regredisce, solitamente entro l'anno.

E i rimedi? Ai tempi di mia nonna si consigliavano metodi spartani come fasce strette o bottone premuto sull'ernia tenuto fermo da un cerotto di carta per far rientrare l'ernia. I metodi "contenitivi" sono oggi accantonati, e i pediatri consigliano di non metterci mano. Quasi tutte le ernie ombelicali neonatali non hanno bisogno di chirurgia.

Ricordo il consiglio che diede il pediatra dei mie bimbi ad una mia amica che aveva una piccola di 3 mesi con un ernia di meno di un centimetro di diametro. Per capire con che tipo di ernia abbiamo a che fare, basta premere con un dito la zona interessata: se il bambino non si agita e non avverte resistenza, e la malformazione è molle, non c'è da preoccuparsi.

Ad ogni modo, per stare tranquilli è consigliabile, sempre e comunque, una visita dal pediatra di famiglia.

Via | Erniaombelicale
Foto | ©TM News

  • shares
  • Mail