Neonato morto per flebo di latte: rimosso il direttore del reparto di Neonatologia

neonato-morto-san-giovanni-roma Il decesso del piccolo Marcus, avvenuto presso l'Ospedale San Giovanni di Roma, causato dalla flebo di latte somministrata erroneamente al posto della soluzione endovenosa, aveva scosso un po' tutti. I genitori, purtroppo, neanche quando consegnano il proprio piccolo nelle mani capaci di medici e infermieri dell'Ospedale, possono stare tranquilli.

Oggi, però, dopo che si era cercato di insabbiare la vicenda -la notizia del decesso sarebbe giunta alla direzione sanitaria cinque giorni dopo la morte del bimbo prematuro-, sembra che la giustizia stia facendo il suo corso. La decisione è stata presa ieri e comunicata oggi dal direttore generale dell’ospedale Gian Luigi Bracciale. Nella delibera della Direzione generale dell’azienda ospedaliera si legge:

"Alla luce dei recenti avvenimenti si rende opportuno e necessario al fine di assicurare continuità al sistema assistenziale e al fine di garantire il più possibile un clima di tranquillità e di assoluta proficua e sicura attività alla U.O.C. di Neonatologia di procedere alla revoca dell’incarico ad interim della Dr.ssa Caterina De Carolis di Direttore della D.O.C. di Neonatologia".

Dopo la rimozione del Direttore, non è finita, perchè sono in arrivo 20 avvisi di garanzia per medici e infermieri indagati per omicidio colposo.

Qualcuno potrebbe dire: ma il latte ha lo stesso colore bianco opalescente della soluzione analgesica... errare humanum est. E invece, no. Quando si tratta della morte di un piccolo indifeso nulla -o quasi- può essere giustificato. Quello che interessa, ora, è sapere cosa sia successo veramente. Anche la mamma di Marcus, Jacqueline De Vega, si dispera ma non si arrende:

"Andrò fino in fondo. Voglio la verità!"

Via | Direttanews - Corrieredellasera
Foto | ©TM News

  • shares
  • Mail