Maternità o lavoro, le donne scelgono la famiglia

Julia RobertsForse non occorreva uno studio per capirlo ma leggerlo, come conseguenza di un'analisi fa una certa impressione, intendiamoci, scegliere la famiglia al lavoro non è affatto un peccato, ma a mio avviso deve rappresentare, appunto, una scelta della donna non una forzatura imposta, perchè altre soluzioni non compaiono all'orizzonte.

L' Ufficio studi della Bocconi ha appena pubblicato uno studio di Alessandra Casarico e Paola Profeta di Econpubblica intitolato “Female education and employment, making the most of talents”, dove appare evidente il numero elevato di donne che rinunciano al lavoro all'arrivo del primo figlio.

Al primo posto nelle motivazioni troviamo l' elevato costo delle cure dei pargoli, in effetti lavorare per pagare la baby sitter non è una soluzione ottimale, ma non tutti hanno nonni a disposizione e volenterosi nell'impresa.

Le soluzioni secondo lo studio riguardano sia la spesa pubblica che il lavoro part time, rimango ancora più perplessa, le mamme sono da anni consapevoli di questa realtà italiana, lo studio ci confronta con la Svezia, dove, pare abbiano trovato nel part time la soluzione, avvilente.

Via | Borsaitaliana.it
Foto | Ew.com

  • shares
  • Mail