Incubo dei compiti delle vacanze estive: quando iniziare?

Quando iniziare a fare i compiti delle vacanze estive? Perché non diventino un incubo per tutta l'estate, meglio pianificarli con cura.

Quando fare i compiti per le vacanze? Se i ragazzi non vorrebbero far altro che divertirsi quando finisce la scuola, ecco che i genitori devono seguirli per assicurarsi che seguiranno tutte le indicazioni lasciate dai professori... Sperando che non siano stati troppo severi, affibbiando troppi compiti: le vacanze devono anche essere un momento di riposo per i ragazzi!

Ecco le 3 teorie su quando è meglio fare i compiti per le vacanze, tralasciando la quarta, quella del "non li faccio nemmeno morto".

Prima si comincia, prima si finisce

Era la mia teoria quando andavo a scuola: appena terminate le lezioni, mi prendevo un paio di giorni di pausa e poi mi buttavo a capofitto nei compiti delle vacanze, così in un paio di settimane tutto era finito e non ci pensavo più fino a settembre. Lasciavo solo i libri da leggere, quelli erano un piacere.

Suddividere i compiti nei 3 mesi

C'è chi preferisce, invece, fare poco alla volta, occupando così il tempo dei bambini per tutti i mesi delle vacanze: un'ora al giorno, magari al pomeriggio dopo il riposino o al mattino quando si è più freschi, per farli con calma, un po' al giorno.

Compiti last minute

E poi c'è chi, finita la scuola, non ne vuole più sapere fino a settembre, per ridursi poi nelle ultime due settimane a recuperare il tempo perso.

A voi la scelta del metodo migliore per i vostri bambini!

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail