Playlist per bambini: come realizzare una compilation da ascoltare in macchina

Ho già parlato della playlist per mamme. Recentemente mi sono concentrata su quella per bambini. Avendo infatti in programma un viaggio abbastanza lungo non volevo farmi trovare impreparata. Di compilation già pronte ce ne sono diverse: da quelle che ci danno le maestre dell’asilo, a quelle dello Zecchino, a quelle dei canti popolari per finire con le numerose varianti che mi è capitato di trovare nelle librerie, specie della catena Giunti. Ci sono anche siti che offrono una specie di karaoke con le canzoni più conosciute.

La più bella e originale compilation per bambini, però, è quella che possiamo preparare andando a caccia delle canzoni che ascoltavamo noi da bambini. Ho riso tanto ad esempio riascoltando Mi scappa la pipì papà, che non è certo un capolavoro ma è riuscita a riportarmi indietro di decenni e a far ridere mia figlia. Credo che ognuno di noi possa andare a ripescare dalla propria memoria e nei vecchi quarantacinque giri canzoni che potrà condividere con i propri bambini.

A ben pensarci, ti accorgi che la trasformazione da essere adulto a genitore è completata solo quando al centesimo ascolto di una canzone per bambini non ti chiedi più, con rabbia, quando potrai di nuovo ascoltare gli U2 in macchina, ma solo quando tuo figlio imparerà tutte le parole per poter cantare insieme a squarciagola: Ma Tarzan lo fa.

  • shares
  • Mail