Cosa fare in caso di prurito ai piedi in gravidanza

cosa fare in caso di prurito ai piedi in gravidanzaUno tra i fastidiosi e frequenti sintomi del bellissimo ma difficile periodo di dolce attesa è sicuramente il prurito. Prurito che soprattutto si avverte in una parte delicata e sensibile nella donna e può rivelarsi una piccola ma insistente tortura, ovvero ai piedi. Quando diventa forte ed irritante, quasi insopportabile e si è nell'ultimo trimestre di gravidanza, il prurito al tronco ed ai piedi può essere un segnale che il fegato è in difficoltà, sovraccaricato di lavoro quest'organo può non riuscire più a smaltire bene sali o acidi biliari. Questi rimangono nel sangue dando vita alla sensazione di prurito, che si manifesta di solito nelle ore serali e durante la notte. Il prurito può essere anche causato da un principio di gestosi.

Cosa fare in caso di prurito forte ai piedi in gravidanza? Prima di tutto parlarne con il ginecologo che ci segue meticolosamente (si spera) in questo viaggio verso la vita, lo specialista in questione deciderà se è opportuno prescrivere delle analisi del sangue specifiche per le transaminasi e gli acidi biliari e controllerà la pressione del sangue per vedere se si tratta della pericolosa gestosi. Se i sintomi non son così pericolosi ed evidenti (macchie giallastre sulla pelle come l'ittero) darà semplicemente un farmaco antistaminico o nei casi più gravi un farmaco a base di cortisone. Se invece i valori delle analisi del sangue risultano aumentati e alti, il ginecologo deciderà se dare il via a quella che è la terapia standard, rappresentata da un farmaco che viene utilizzato in gravidanza nei casi di colestasi gravidica, per aiutare il fegato a riprendere la sua normale attività.

Quindi sarà il ginecologo a decidere la via da seguire, a ponderare la giusta soluzione, a seconda del grado del disturbo, dei risultati delle analisi e del malessere e del disagio della donna in gravidanza. Alcune indicazioni invece per la dieta e per la cura della pelle in questi casi, sono quelle di non mangiare cibi troppo elaborati e che contribuiscono ad appesantire il fegato, bere molta acqua e provare a lavare la zona interessata dal prurito con pasta all’acqua o talco mentolato, soprattutto prima di andare a letto la sera. Sia che si tratti di un disturbo di lieve entità o della più problematica colestasi, leggero sollievo: i sintomi del fastidioso prurito ai piedi (a volte anche mani e pancia) si risolvono completamente dopo il parto.

Via | Dolce Attesa

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail