Come applicare la crema solare ai bambini in spiaggia

protezione solare bambiniL’importanza della protezione solare in spiaggia non sarà mai abbastanza ribadita ma più che mai importante è nel caso dei più piccoli, che vanno assolutamente protetti al meglio. Non basta scegliere la protezione solare con i filtri più adeguati alla pelle delicata del bambino, perché è altrettanto importante come si applica la crema solare per massimizzare la sua efficacia.

In ogni caso è sempre meglio chiedere consiglio al pediatra prima di esporre i bambini al sole – anche sull’opportunità di mettere creme solari sulla pelle dei bebè di età inferiore ai sei mesi – ricordandosi comunque di proteggerli con un ombrellone, un cappellino e abitini leggeri e traspiranti.

Sarà bene testare prima la crema solare che userete sul bambino, meglio se specifica proprio per i più piccoli, su una piccola porzione di pelle per vedere se provoca reazioni o arrossamenti, prima di spalmarla su tutto il corpo.

La crema solare va applicata circa trenta minuti prima dell’esposizione al sole per pemettere ai filtri di agire correttamente sulla pelle. Sarebbe meglio metterla a casa prima di uscire anche per evitare che in spiaggia, nell’ansia di correre a giocare, i bambini vi sfuggano di mano rendendo le operazioni difficili.

Dopo ogni bagnetto la crema va rigorosamente riapplicata, e in dosi generose. Comunque sarebbe bene ripetere spesso l’applicazione dopo un certo tempo perché lo sfregamento con teli mare e sabbia e il sudore potrebbero diminuirne l’efficacia.

È importante anche fare attenzione a zone delicate che solitamente tendono a dimenticarsi e a scottarsi facilmente: lati del naso, orecchie, dita dei piedi, collo, cuoio capelluto se il piccolo ha pochi capelli, retro delle ginocchia. Per il viso bisogna fare attenzione agli occhi perché nonostante la formulazione delicata delle creme per bambini potrebbero provocare fastidiosi bruciori.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail