Maria Montessori, il Doodle di Google di oggi è dedicato alla grande educatrice


La grande educatrice Maria Montessori è oggi ricordata dal Doodle di Google, in occasione del 142esimo anniversario dalla nascita. Se aprite quindi il motore di ricerca non trovate la solita scritta Google, ma una cascata di giocattoli in legno per bambini. La Montessori è famosa per aver elaborato nuovi metodi educatovi al fine di coinvolgere e stimolare l’apprendimento di tutti i bambini, anche quelli con qualche difficoltà in più.

La pedagogista italiana nacque il 31 agosto del 1870 a Chiaravalle. Studiò alla facoltà di Medicina della Sapienza con successo, conseguendo la laurea. Fu una delle prime donne in Italia a ottenere un titolo di studio così alto, proprio in questo settore. I suoi campi di interesse principali furono, da subito, pediatria, psichiatria e igiene, discipline che la Montessori riuscì a legare con uno sguardo moderno.

Della storia di Maria Montessori è importante ricordare la sua prima Casa dei bambini, che apri nei primi anni del novecento vicino a San Lorenzo. È proprio qui che sperimentò e soprattutto applicò il suo metodo, da cui poi fu elaborato il testo, molto stimato, Il metodo della pedagogia scientifica. Questo manuale rivoluzionò completamente l’approccio magistrale nelle scuole. L’esperta, infatti, creò a una scuola a misura di bambino, dove il piccolo impara giocando e muovendosi liberamente, stimolato da numerosi input di natura diversa.

Il bambino venne quindi visto per la prima volta come una persona. Il metodo prevede che il piccolo sia giudicato come un adulto, capace di fare delle scelte e di esprimere da solo le sue necessità. Ma c’è di più. Perché la Montessori favorì l’introduzione di classi miste (non solo maschi e femmine, ma anche bambini meno abbienti o problematici con piccoli borghesi) e una didattica più ampia. La Montessori morì a Noordwijk il 6 maggio del 1952 (nei Paesi Bassi). A causa del fascismo fu costretta ad allontanarsi dall’Italia, ma il suo lavoro continuò e venne tramandato in tutto il mondo, dagli Usa all’India.

  • shares
  • Mail