Bruciore al seno durante l'allattamento? I rimedi naturali per alleviare il dolore


Durante l’allattamento si manifestano spesso dei disturbi molto fastidiosi e rendono il momento della poppata un incubo. Il bruciore al seno può dipendere da diversi fattori: può essere causato per esempio da un eccesso di poppate. Magari tenete spesso il bambino attaccato, anche solo come coccola. L’allattamento dovrebbe prevenire ogni dolore, ma se fatto nel modo sbagliato potrebbe anche favorirlo.

Fatevi aiutare da un’ostetrica o dal vostro pediatra per verificare che il bambino sia attaccato nel modo corretto e magari aiutate la poppata mettendo una mano proprio sul seno. In questo modo, potrete alleggerire la pressione che il piccolo esercita sul vostro seno. A volte il dolore potrebbe provenire a seguito di un eccesso di latte, che può ostruire i dotti (ingorgo mammario).

Fate molta attenzione perché questo disturbo potrebbe causare infiammazioni gravi. Avete il seno duro e vi fa male anche toccandolo? La prima cosa da fare consultare il medico, poi cercate di massaggiarvi il seno, magari facendo degli impacchi di acqua tiepida. E poi con il tiralatte, eliminate (conservate o donate) il latte in eccesso. Dopo la poppata, per alleggerire il dolore, invece, fate degli impacchi di acqua fredda. Abbiamo anticipato prima che questo disturbo può portare delle infiammazioni, ma anche delle infezioni gravi.

Tra queste c’è sicuramente la mastite. Le cure fai-da-te sono le medesime che abbiamo appena illustrato. Il medico potrebbe anche sospendere l’allattamento per intraprendere una cura farmacologica. Un altro problema, meno grave ma dolorosissimo, sono le ragadi. Sono dei taglietti che si formano proprio sul capezzolo e dipendono dalla posizione errata del bambino o magari dal fatto che succhia troppo forte. Lavate con molta cura la zona ed evitate di portare reggiseni stretti. È una ferita e va lasciata asciugare naturalmente. Durante le ragadi è meglio sospendere l’allattamento.

Foto| TM News

  • shares
  • Mail