Proteggere i bambini su internet con le 10 regole di sicurezza


Proteggere i bambini su internet è diventato un obbligo per qualsiasi genitore. È ormai risaputo che online i piccoli di casa possono incontrare malintenzionati o finire in qualche truffa. Per questo motivo McAfee ha stilato un decalogo per tenere lontani i pericoli e lasciare i nostri cuccioli liberi di navigare. La prima cosa da fare è installare il computer in una zona molto frequentata della casa e limitarne l'uso notturno.

Evitate quindi di mettere il pc nella stanzetta, ma posizionatelo magari in sala, così da poter sorvegliare il bambino durante l’utilizzo. Inoltre, si consiglia l’utilizzo di un software di monitoraggio della sicurezza dei minori come IMSafer. È poi importante verificare che i bimbi conoscano e capiscano le regole di socializzazione sui siti e sui social network.

I ragazzi devono imparare a non rivelare le loro password e soprattutto a non pubblicare mai dati personali o foto inappropriate (soprattutto su Facebook). Poi è molto importante che i bambini informino i genitori se organizzano appuntamenti con internauti sconosciuti e incontrati solo online, per evitare che alcuni incontri possano rivelarsi delle trappole. Ma proseguiamo con le regole: i ragazzi non devono mai scaricare file provenienti da sconosciuti, perché possono contenere virus, ma c’è di più. Se utilizzano programmi P2P non devono permettere agli sconosciuti di scaricare i loro file.

Cari genitori, fate in modo di non consentire ai vostri bambini di compilare moduli né sondaggi online, mentre permettetegli di usare solo chat room monitorate. Poi spiegate ai ragazzi che non devono rispondere ai messaggi (email, ma anche sms) provenienti da persone o numeri sconosciuti. Per i bambini, prevedete dei browser dedicati ai minori, come Il Veliero che non visualizza parole inappropriate. Infine, consentite ai vostri figli di trovare siti proprio adatti ai bambini, come Fact Monster.

Foto|Flickr

  • shares
  • Mail