Con il mal di denti in gravidanza si può fare l'anestesia dal dentista?


Purtroppo il mal di denti, durante la gravidanza, è un disturbo abbastanza frequente. La bocca è più vulnerabile all’aggressione di placca e carie e ovviamente a farne le spese sono soprattutto i denti. Se è vero che durante la gestazione è necessario essere pazienti e tollerare alcuni fastidi (come febbre, raffreddore e altro), sul mal di denti c’è una sorta di deroga. Va assolutamente curato e se questo vuol dire fare l’anestesia: che anestesia sia.

L’anestesia locale, infatti, non è pericolosa per il feto, perché il suo principio attivo non entra in circolo e quindi non raggiunge il bambino. Inoltre, potreste aver bisogno di una piccola lastra, proprio ai denti per verificare la carie e la natura del problema. Come sapete i raggi x in gravidanza non vanno bene. Questa regola vale nel primo trimestre, dopo accuratamente protette potrete fare l’esame senza ansie.

Il metodo migliore però per evitare certi problemi, almeno i più comuni quali le carie, è quello di lavarsi con cura i denti. L’igiene durante la gestazione è ancora più fondamentale, quindi fate molta attenzione al rito e semmai intensificatelo. Questo potrebbe essere un buon modo per tener lontano il mal di denti e ovviamente ciò che ne deriva.

Se però è subentrato davvero un problema che richiede l’intervento del dentista, è meglio farsi vedere. Un’infiammazione iniziale non curata a dovere può portare poi disturbi più gravi. È meglio quindi accettare di devitalizzare il dente, piuttosto che attendere e incorrere un’infiammazione curabile sono con antibiotici. Questi farmaci, infatti, sono dannosi per il feto a differenza di una piccola anestesia locale orale.

Via| Studio Avanzo
Foto| Lovoperio

  • shares
  • Mail