Merendine fatte in casa o merendine industriali: i pro e i contro

Torta di frutti di bosco
Meglio le merendine industriali o le merendine fatte in casa? Per me la risposta è assolutamente scontata. Certo, se penso a quando ero piccola, mi rendo conto che mi piacevano di più le Kinder che non la torta della mamma. Il perché, oggi lo so: gli aromi artificiali sono molto più "gustosi" di quelli naturali.

Credo che l'importante sia quindi abituare anche i propri bambini a sentire il vero sapore del cacao o della frutta o del pan di spagna. Qualcosa credo stia già cambiando se, come abbiamo visto ci sono le merendine Coop piene di frutta, senza conservanti e solo con aromi naturali.

D'altra parte i produttori di merendine sferrano il contrattacco con un sito volto a dimostrare che le merendine industriali italiane sono un prodotto alimentare degno di fiducia. Il sito contiene una sezione vero o falso, con le risposte alle classiche domande di noi mamme; informazioni sugli ingredienti e consigli sull'alimentazione dei bambini.

Certamente i produttori di merendine sono oggi attenti alle nuove mode, tra cui l'attenzione al biologico, agli ogm, ad un'alimentazione sana e ci tengono a far sapere che i loro prodotti non sono schifezze. Tuttavia mi sembra esagerato dire che

In realtà, sono al contrario proprio gli alimenti manipolati e preparati in casa o nelle strutture di ristorazione a provocare più spesso tossoinfezioni, a causa delle inadeguate condizioni igieniche degli ambienti o per gli scarsi controlli degli ingredienti e dei processi di produzione.

Passi per le strutture di ristorazione, ma anche noi casalinghe non è che stiamo lì a impastare la farina sulla pietra senza esserci lavate le mani. Inoltre sarà pur vero che i grassi alimentari presenti nei prodotti industriali

sono presenti naturalmente anche nell'olio d'oliva (e), utili a stabilizzare gli impasti ed evitare che diventino subito raffermi (come accade ai dolci di casa)

ma in primo luogo meno ce ne sono e meglio è; in secondo luogo la torta "rafferma" ovvero diventata un po' duretta col passare dei giorni la si riutilizza tranquillamente come il pane raffermo: nel caffellatte della mattina. E poi, i dolci fatti in casa non necessitano di quintali di plastica per l'imballaggio e non abbinano giocattoli al cibo (preparare la torta insieme è già un gioco).

Insomma ben venga una corretta informazione che ci aiuti a riqualificare il prodotto italiano industriale ben fatto, ma ben venga anche la voglia di mangiare alimenti semplici, senza troppi grassi e che non necessitano di conservanti perché fatti nella nostra cucina ogni volta che ce n'è bisogno.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: