Integratori per bambini, un aiuto da dare con moderazione

Integratori per bambini sono utili oppure no? Si se servono davvero, altrimenti bastano l'alimentazione sana, l'attività fisica e dormire bene.

Integratori per bambini

Gli integratori per bambini sono un valido aiuto per compensare delle carenze alimentari, ma anche un business vero e proprio al quale è bene fare attenzione. In commercio esistono integratori per ogni cosa, sia per noi adulti che per i bambini, il problema è che spesso finiscono per essere non solo molto costosi, ma anche controproducenti.

In Germania sono stati eseguiti dei test su 26 integratori alimentari per bambini e i risultati sono stati abbastanza curiosi: nell’85% dei casi c’erano sovradosaggi di vitamine o minerali, e questo sia per i prodotti per bambini piccoli fino ai 7 anni che per i ragazzi fino ai 15 anni.

Gli integratori non fanno sempre bene, in caso di sovradosaggi le vitamine liposolubili come la A o la D possono accumularsi nel corpo e, a lungo andare, provocare mal di testa, nausea e stanchezza cronica. Gli integratori sono utili quando sono davvero necessari, altrimenti non solo non servono ma possono fare male.

Il modo migliore per gestire la salute dei bambini è di affidarsi al pediatra, seguire le sue indicazioni e poi fargli fare una vita attiva e sana, alternando gli alimenti in modo che abbiano tutti nutrienti utili al loro fabbisogno. Poi, in caso di carenze, si può innanzitutto curare l’alimentazione e poi eventualmente, sotto consiglio medico, prendere degli integratori.

Ricordate che i bambini devono correre, giocare, sbucciarsi le ginocchia e stare all’aria aperta, seguire una dieta equilibrata, dormire almeno 8 – 10 per notte e avere orari regolari e fare un po’ di attività fisica.

via | ilsalvagente

  • shares
  • Mail