Parco faunistico Cappeller: una gita per tutta la famiglia

In gita al Parco Cappeller di Cartigliano (VI), abbiamo avuto l'opportunità di mostrare alla Ben, dal vivo, tanti animali strani come il bradipo e il tapiro, l'ippopotamo nano, i fenicotteri. Il parco è grande e ben tenuto, ha molte aree di sosta con giochi adatti a bambini di varie età. Ovviamente inseguire la peste per tutto lo zoo è stato faticoso: era super eccitata. Naturalmente per lei sull'albero non c'era il gufo reale, ma Uffa, quello di Winnie Pooh e l'ippo altri non era se non Gloria di Madagascar mentre i pellicani erano quelli di Nemo.

Paradossalmente gli animali che l'hanno incuriosita più di tutti erano le caprette: con un po' di mais si avvicinavano per mangiare dalle nostre mani. In effetti erano le uniche ad interagire apertamente con i visitatori (ovvio, si riempivano la pancia). Mentre mi guardavo intorno mi sono ricordata della mia prima visita ad uno zoo: ero una ragazzina ed ero con i miei a Roma. Allora ero stupita dalll'altezza delle giraffe e dal cucciolo di gorilla.

Oggi, come mamma, mi sento di dire alla Ben che mi dispiace per le aquile in gabbia e per i pellicani, cui sono state tarpate le ali perché non possano fuggire. Trovo difficile, in realtà, mettere insieme l'opportunità unica, per noi, di vedere da vicino un bradipo e la tristezza per gli spazi angusti in cui questi animali si trovano a vivere, ma penso sia anche giusto che la piccola cominci a capire che ciò ci rende felici non può essere costruito sulla pelle degli altri.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: