Nave Diciotti, sbarcati 27 minori debilitati e malnutriti

Sono stati accolti a terra i 27 minori presenti sulla Nave Diciotti: sono malnutriti e con ferite d’arma da fuoco.

Sono sbarcati i bambini, finalmente dalla Nave Diciotti. Rimangono a bordo 150 migranti cui il ministero dell’Interno non ha accordato il permesso di scendere. La situazione è drammatica, soprattutto perché i minori che finalmente sono stati accolti a terra sono in una condizione tremenda. Lo ha raccontato un’operatrice dell’ong Terre des hommes.

“Abbiamo accolto 27 scheletrini, il più magro sarà stato un po’ più basso di me e sarà pesato una trentina di chili, la gamba con lo stesso diametro del mio polso. Abbiamo accolto 27 scheletrini, uno era tutto e solo orecchie. Abbiamo accolto 27 scheletrini, uno non riusciva a camminare perché era pieno di dolori. Abbiamo accolto 27 scheletrini avevano delle bende lerce al polso, al piede e al braccio sparato. Abbiamo accolto 27 scheletrini, comprese due splendide fanciulle”.

Un racconto drammatico, commovente e al tempo stesso tristissimo.

“Mentre li guardavo, seduti a terra e delimitati da transenne, mi sentivo la ricca e bianca signora europea che si reca la domenica pomeriggio allo zoo umano, così, per vedere l’effetto che fa”.

Queste invece su Twitter le parole della portavoce di Save The Children, Giovanna Di Benenetto, sulle condizioni dei minori.

“Nonostante il grande supporto della Guardia Costiera, molti sono fortemente deprivati, rimasti anche 3 anni nei centri libici, al buio per mesi, pure con segni di ferite da arma da fuoco”,

  • shares
  • Mail