Nessuno cede il posto alla neo mamma, Kate costretta ad allattare in piedi sul treno in corsa

Kate Hitchens ha dovuto allattare il suo bambino in piedi su un treno in corsa perchè nessun passeggero le ha ceduto il posto.

Kate Hitchens

Kate Hitchens è una mamma inglese di 32 anni che ha pubblicato una foto su Instagram qualche giorno fa, ma non una delle solite foto che fanno tutte le neo mamme, ma un’immagine per denunciare una situazione decisamente spiacevole. Kate Hitchens si trovava su un treno che da Londra l’avrebbe portata all’Essexe aveva con lei il suo bambino di 6 mesi, che aveva fame e quindi lei lo ha dovuto allattare, la cosa assurda è che nessun passeggero si è alzato e le ha ceduto il posto e lei ha dovuto allattare il suo bimbo in piedi su un treno in movimento.

Kate ha immortalato questo momento con un selfie che ha poi pubblicato su Instagram per denunciare quello che le è successo e la pochissima empatia che ha riscontrato su quel treno. Io capisco che tutti dopo una giornata di lavoro possono essere stanchi e aver voglia di sedersi e tornare a casa, anche perché fare i pendolari è logorante, però stare seduti mentre una ragazza allatta un bambino piccolo in piedi, è davvero assurdo, oserei dire disumano.

La ragazza ha fatto una lunga riflessione nel suo post su Instagram, ha provato a capire il perché di quel comportamento e a trovare qualche giustificazione, ma la verità è che una situazione come la sua non lascia spazio a equivoci e che sarebbe stato opportuno che qualcuno le desse una mano. Viviamo in un mondo troppo egoista in cui si pensa solo a se stessi e a quello che si pretende dagli altri, senza preoccuparsi di quello che noi possiamo offrire a chi ci sta intorno.

Visualizza questo post su Instagram

On my way home from London on a packed commuter train and this is what I faced. What has the world come to that a mother has to stand up on a moving train breast feeding a wriggling and writhing 6 month old, 20lb baby?! The point here isn't just that I found it difficult because I was nursing (although that was bloody difficult!), but that not one person offered a mother carrying a small child a seat for around half an hour, or 3 stops! I could have asked, but I didn't. I felt silly. I shouldn't have to ask. Maybe some people didn't see. I know for a fact some did; they made eye contact and actually smiled at me. I was thinking stop smiling and offer me your seat please! One lady looked up from her book and immediately offered me her seat, another lady then sat in it and when the lovely lady said 'Oh excuse me I actually gave up my seat so this lady with a baby could sit down' the sitting lady shrugged, plugged her earphones in and closed her eyes! I like to think that she needed that seat more than me, perhaps she was newly pregnant and in that early exhaustion period, perhaps she was knackered after a day at work, perhaps she was ill. Or perhaps she was just a twat. I hope not. I can somewhat understand not offering your seat to someone elderly; perhaps they might be offended you think they look old! I can understand not offering your seat to someone you suspect might be pregnant; maybe it's just their time of the month or perhaps they are just naturaly curvy and they aren't pregnant; perhaps you worry you might offend them. I cannot get my head around not offering a parent with a child a seat. Next time you see someone with a child on a train - if you're able bodied and fit and healthy please offer your seat to them!

Un post condiviso da Hitchens' Kitchen BLW Club (@baby_led_weaning_club) in data:

Kate Hitchens ha raccontato:

“Siamo davvero arrivati al punto che una madre deve rimanere in piedi su un treno in corsa per allattare un bambino di 6 mesi e più di 9 chili, che si dimena e si divincola? Il punto non è solo che io abbia trovato difficile riuscire ad allattarlo in queste condizioni (anche se lo era: era maledettamente difficile!), ma che non una persona abbia offerto un posto a una madre che teneva in braccio un bambino piccolo per circa mezz’ora. Mi sarei sentita sciocca a chiedere a qualcuno di cedermi il posto. Non credo ci sia bisogno di chiedere queste cose. Forse alcune persone non mi hanno visto. Ma so per certo che alcuni lo hanno fatto: mi hanno guardato negli occhi e, in realtà, mi hanno pure sorriso. Pensavo: “Smettete di sorridere e offritemi il vostro posto, per favore!”. Una signora ha alzato lo sguardo dal suo libro e subito mi ha offerto il suo posto, ma un’altra signora si è seduta e quando la prima le ha spiegato: “Mi scusi, in realtà ho lasciato il mio posto a questa mamma con il suo bambino”, la donna seduta si è stretta nelle spalle, ha infilato gli auricolari e ha chiuso gli occhi! Voglio pensare che avesse bisogno di quel posto più di me: forse era incinta di recente e attraversava quel tipico periodo di spossatezza, forse era a terra dopo una giornata di lavoro, forse era malata. O forse era solo una cretina. Spero di no. Posso in qualche modo capire chi non offre il proprio posto a un anziano, per paura di ferirlo. Posso capire chi non offre il posto a una donna che sospetta possa essere incinta: forse è solo formosa e non incinta, forse si ha paura di offenderla. Non riesco a capire, però, chi non lo offre a un genitore con un figlio. La prossima volta che vedi qualcuno in piedi con un bambino, su un treno, se sei in forma e in salute, per favore offrigli il tuo posto”.

Kate Hitchens
  • shares
  • Mail