Meghan Markle: nessun congedo di maternità fino al parto

La Duchessa di Sussex non ha intenzione di ritirarsi per il congedo parentale, prima del parto. Sul futuro, invece, non si sa ancora nulla.

Meghan Markle sta vivendo un periodo di grande popolare, ma non è certo la donna più simpatica del mondo. E probabilmente le sue ultime novità non la faranno salire nella classifica di gradimento. La Duchessa di Sussex è molto dedita al lavoro e nonostante sia stanca per la gravidanza non ha nessuna intenzione di ritirarsi e rinunciare agli impegni mondani e formali.

Secondo quanto riporta la stampa inglese, Meghan ha avvisato il suo entourage che vuole lavorare fino al termine della gravidanza e che dovrebbe rinunciare a una collaborazione con una no profit (non si sa quale) entro la fine dell’anno. Ricordiamo che il royal baby, il primo figlio del principe Harry e settimo erede in successione al trono di Inghilterra, dovrebbe nascere in primavera.

La Markle sembra essere una donna d’acciaio. Si racconta che si svegli alle 5 del mattino e mandi mail al suo staff con tutte le cose da fare, causando dissapori (non ha caso ha perso diverse assistenti in pochi mesi).

L'approccio di Meghan al congedo di maternità è diverso da quello di Kate Middleton , che per il Prince Louis si è ritirata a circa un mese prima del parto ed è stata a casa per sei mesi dopo la nascita. Vero, che Kate è la prima volta che si prende un congedo parentale così lungo e che, a differenza di Meghan, ha sempre dovuto fare i conti con gravidanze complesse, fin da l’inizio, a causa dell’iperemesia gravidica.

  • shares
  • Mail