Bambini abbandonati o troppo autonomi

pianto bambinoI piccoli angeli a volte si tramutano in diavoletti capaci già a pochi anni di sfoggiare tecniche di sensi colpa acute pur di ottenere quello che vogliono. Lo sanno bene le mamme, le più colpite dal virus del senso di colpa, ogni giorno molte mamme del pianeta devono subire pianti e urla inimmaginabili prima di “abbandonare” la creatura alle maestre dell'asilo che attonite osservano con invidiabile pazienza la scena quotidiana.

Il cuore di mamma piange di fronte a tale disperazione, anche se è perfettamente consapevole della ripetizione di un rito che in pochi minuti andrà a diminuire per poi terminare definitivamente di fronte al nuovo gioco della maestra, in realtà tanto simpatica, saggiamente proposto ai bimbi urlanti.

L'aspetto divertente, tolto l'esorcismo reso necessario dalle urla disumane, è il sentimento delle mamme che per loro fortuna non devono subire tale supplizio ogni giorno, diverse mie amiche mi raccontano che si sentono comunque in colpa perchè il loro bimbo va all'asilo molto volentieri e non fa alcun capriccio, anzi, a questo punto mi viene il sospetto che il senso di abbandono, il così detto strappo o separazione è valido per entrambi, solo che solitamente le urla risultano di gran lunga maggiori del dispiacere materno, ma nel caso di sereno distacco allora la mamma dimostra il suo disagio e disperazione di fronte a un figlio tanto ingrato da non disperarsi, nemmeno un pochino, per la momentanea separazione.

Foto | consapevolmente.org

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: