L'OMS mette in guardia i genitori: niente schermi di tablet e telefonini fino a 2 anni

L'OMS mette in guardia i genitori con un documento dedicato ai bambini fino ai 5 anni e consiglia di vietare gli schermi di tablet e telefonini fino a 2 anni.

Niente schermi fino a 2 anni

I bambini piccoli dovrebbero stare a debita distanza dagli schermi di smartphone, tablet e computer, il buon senso in teoria dovrebbe suggerirlo, ma adesso lo dice anche l'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) che ha stilato un documento sulla salute dei bambini fino ai 5 anni d’età. L’OMS sostiene che gli schermi degli accessori tecnologici devono essere totalmente vietati ai bambini fino ai 2 anni d’età perché risultano dannosi per il loro sviluppo fisico e mentale. I bimbi giocano con i tablet e si perdono tutto il resto, perdono la manualità, diventano sedentari e vengono sottoposti a molti meno stimoli.

I danni causati dalla tecnologia sono tanti e sono ancor più evidenti nei bambini, noi adulti a volte siamo costretti a passare delle ore al pc, ma i più piccoli possono e devono fare altro. Usare giochi interattivi e montessoriani, inseguire una palla, fare giardinaggio, disegnare e colorare e svolgere attività stimolanti e variegate.

Se fino ai 2 anni gli schermi devono essere totalmente banditi, negli anni successivi si dovrebbe restare intorno all’ora al giorno. Quindi non si deve dare lo smartphone al bambino per farlo stare tranquillo, anche se è comodo e ci fa rifiatare, perché è diseducativo e dannoso per lui, che poi lo porterà a fare i capricci per essere accontentato.

Le nuove indicazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) dicono quindi che i monitor e gli schermi vanno evitati fino ai due anni, che i bambini devono rispettare le giuste ore di sonno e che non devono passare troppo tempo nel passeggino ma bisogna farli muovere, giocare, correre e divertirsi.

Sane abitudini che si ritroveranno anche quando i bambini saranno più grandi.

Foto | pixabay

  • shares
  • Mail