Prima colazione: i cereali sono peggio di una ciambella

cereali Se pensate che dando ai vostri figli i cereali da mangiare nel latte gli state facendo fare una colazione sana ed equilibrata, siete in errore. Questo mito, infatti, è stato appena sfatato da uno studio realizzato dai ricercatori della Yale University per il programma Dispatches di Channel 4. Da questo studio molti cereali per la prima colazione destinati ai bambini finiscono sotto accusa per il loro contenuto nutrizionale perchè sono risultati più salati delle patatine o con più zucchero di una ciambella o un'altra merendina confezionata.

Nella "lista nera" stilata dai ricercatori ci sono i Frosties della Kellogg's, con 11,1 grammi di zuccheri ogni 30 grammi di prodotto, l'equivalente di appena tre cucchiai per una piccola tazza di latte. Mentre per la stessa quantità di cereali, i Cookie Crisp della Nestlè contano ben 10.59 grammi di zuccheri. Più o meno stesso discorso per gli Honey Cherrios, i Sugar Puffs, i Coco Pops e gli Honey Loops.

Una ciambella, invece, contiene 8,6 grammi di zuccheri: a sorpresa, dunque, risulta più leggera dei cereali. Secondo molti addetti ai lavori, alimenti apparentemente sani starebbero contribuendo all'epidemia di obesità e chili di troppo che sta interessando sempre più bambini tanto che si stima che due terzi dei giovanissimi nel 2050 saranno in sovrappeso.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail