Il primo Natale: come i piccoli vivono il presepe

Albero di Natale luminosoPreferite il presepe grande, quello della nonna pieno di statue o il presepe piccolino, quello che trova posto sotto l'albero di Natale? Noi per esigenze di spazio e per limitare i danni della piccola peste abbiamo optato per una serie mignon di tutto. Ora che ha tre anni però potremmo cominciare la raccolta dei pupi per costruire un presepe tutto nostro, di anno in anno. Non dimenticherò mai l'emozione del Natale a casa mia, quando dal ripostiglio uscivano pacchi e pacchi pieni di antiche statuette e carta roccia ed erbetta verde. Ho rivisto anche nei miei nipotini lo stesso entusiasmo nel costruire le casette insieme al loro papà, con il cartone o il compensato, progettando poi il fiume, la piccola cascata e la grotta piena di luci.

Quando la nostra piccola aveva un anno e mezzo, i nonni ci hanno prontamente regalato un presepe di quelli con delle belle statuone, che i bimbi cercano di rompere. La mia, però non le rompeva, le baciava: baciava prima Gesù bambino, come le avevano insegnato i nonni, poi di seguito anche tutti gli altri compresi il bue e l'asinello. Presa dall'entusiasmo, voleva farlo ogni volta che passava lì davanti. Poi l'entusiasmo è cresciuto e pretendeva che lo facessimo anche noi. Abbiamo passato un Natale molto affettuoso.

Spero che quest'anno, presa dalla possibilità di decorare l'albero, rigorosamente di cartone, si dimentichi di quei baci. Essendo, poi, poi più autonoma e curiosa, penso che la porteremo in giro a visitare i presepi della zona, quelli più conosciuti e curiosi e gli alberi di Natale belli grandi che ci sono nelle piazze dei paesi. Infine, cercheremo di limitare i danni, da giostrina antica, che troneggia in piazza pronta a salassarci, e palloncini in vendita ogni santa domenica: ce ne fosse almeno uno a forma di Babbo Natale la nostra casa non somiglierebbe ad un serraglio!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: