La verità su Babbo Natale: dirla oppure no?

Foto degli anni 50 con Babbo NataleLa verità su Babbo Natale: quando i nostri figli saranno pronti a sentirla? Alcune mamme decidono di non parlare affatto del Babbo perché non vogliono creare false illusioni nei propri bambini. Forse temono di non essere all'altezza delle spiegazioni che dovranno dare ai loro pargoli una volta cresciuti. Forse ricordano la disillusione troppo forte che è toccata a loro.

Io e mia sorella eravamo le uniche bambinone, nelle nostre rispettive classi, a credere a Babbo Natale malgrado gli amici ci prendessero in giro. Non ricordo bene, ma forse avevo otto anni quando ho cominciato a dar retta ai compagni di classe e a cercare indizi per scoprire la verità e trascinai in questa ricerca anche mia sorella.

Mia madre allora mi spiegò che Babbo Natale non è altro che un modo per manifestare affetto ai bambini da parte di genitori, zii ed amici. La spiegazione mi sembrò più che convincente e non mi traumatizzò. Mia sorella sostiene che ero troppo vecchia per subire un trauma di questo genere.

Per quanto riguarda mia figlia sto seguendo una filosofia ben precisa: Babbo Natale porta solo uno o due regali, piuttosto semplici (in questo modo si evitano anche confronti con gli altri bambini). Per il resto sono appunto genitori, zii e amici che riempiono lo spazio sotto l'albero. In questo modo le permetto di vivere il suo mondo fantastico, ma parallelamente è altrettanto gratificante il mondo reale.

E ora tocca a voi: ci siete già passati con i vostri figli più grandi? Che ricordi avete della vostra infanzia? C'erano Babbo Natale o Gesù bambino? Ora che ci penso: e con la Befana come la mettiamo? Lasciateci in regalo i vostri ricordi di Natale...

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: